Notizie dal mondo

La CISAL designata nel CNEL per il quinquennio 2017-2022

  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email
  • Ottieni il PDF dalla pagina webPDF

In data 29 agosto 2017, la presidenza del Consiglio dei Ministri, in vista del rinnovo dei componenti del Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro per il quinquennio 2017-2022, ha designato la CISAL, nella persona dello scrivente Francesco Cavallaro, tra i membri del CNEL. 

La CISAL risulta così inserita nel novero delle Confederazioni rappresentative e aventi diritto di avanzare le proprie proposte attraverso il CNEL. Scelta frutto di un attento processo di valutazione del grado di rappresentatività di tutte le organizzazioni sindacali e delle associazioni di categoria che hanno fatto pervenire le proprie designazioni per la ricostituzione dell’organo consultivo di rilievo costituzionale.

Non posso che esprimere la più viva soddisfazione per questo risultato, che rappresenta un momento particolarmente significativo nel percorso di crescita che la nostra organizzazione ha concretamente intrapreso da tempo e che ha ricevuto un ulteriore, decisivo impulso in occasione del Congresso di maggio 2015.

Il riconoscimento della CISAL quale confederazione avente diritto di esprimere la propria rappresentanza nel CNEL è un elemento che va al di là del mero incremento registrato in materia di iscritti, di contratti firmati, di controversie di lavoro gestite. In esso, infatti, vi è un aspetto, che attiene al livello politico e istituzionale, che rappresenta, probabilmente, l’elemento di maggior rilevanza e di autentica crescita e maturazione della nostra Confederazione.

L’assise congressuale del 2015 si svolse nel pieno di una crisi economica che da tempo attanagliava il Paese e che ancora non è superata del tutto. Il dibattito che si sviluppò in tale occasione ha portato alla riaffermazione del ruolo dei sindacalismo autonomo e dei valori fondanti che caratterizzano la CISAL. Tale confronto impegnò tutta l’organizzazione a proseguire con tenacia la propria azione su temi fondamentali quali la riforma del Fisco, l’attuazione dell’articolo 39 della Costituzione, l’impulso alla contrattazione decentrata, l’istituzione di un welfare attivo ed inclusivo, la separazione tra previdenza ed assistenza per un sistema pensionistico finalmente equo.

Tutti temi che hanno guidato l’azione della CISAL ad ogni livello e che, coniugati alla dinamica azione di incremento della presenza territoriale delle strutture confederali, sono stati percepiti in modo chiaro ed efficace dai lavoratori e dai pensionati che in misura sempre maggiore si riconoscono nella CISAL.

Nel loro esclusivo interesse proseguiamo dunque con la massima determinazione il nostro cammino, forti della libertà da ogni condizionamento ideologico e da ogni interesse di parte che l’autonomismo che rappresentiamo ci garantisce.

Cordiali saluti,

 

Il Segretario Generale

Francesco Cavallaro 


Cerca