Faisa Cisal: adesione massiccia allo sciopero del 24 luglio, Governo rompa silenzio su sistema trasporti

  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email
  • Ottieni il PDF dalla pagina webPDF

 

 

 

Roma, 22 luglio 2019 - Mercoledì 24 luglio, la Faisa Cisal aderirà MASSICCIAMENTE allo SCIOPERO GENERALE indetto da Cisal Trasporti.

Tra le ragioni della protesta, l’urgenza di attivare un tavolo di confronto permanete con gli organi politici su: sicurezza dei trasporti, affinché utenti e operatori vedano restituita la propria tranquillità attraverso l’impiego di misure straordinarie; su garanzia della protezione sociale (anche in caso di trasferimento del gestore del servizio); su maggiori investimenti in infrastrutture che favoriscano un trasporto intermodale interconnesso e sostenibile.

Inoltre, sia i lavoratori del Trasporto Pubblico Locale che quelli delle Attività Ferroviarie, aspettano il rinnovo dei proprio Contratto Nazionale che, da anni, subisce un blocco strumentale conseguente alla situazione confusa che vive tutto il comparto.

Richieste di convocazione per l’avvio di una discussione sulla corposa piattaforma, infine, sono rimaste inascoltate, l’unico risultato sortito sinora è un silenzio assoluto che il Governo deve assolutamente rompere.

Questo atteggiamento incomprensibile lascia presagire la mancanza di risposte adeguate, strategiche, rispetto al settore del TPL che ha bisogno di nuove regole, di maggiori risorse, di pianificazione e di concertazione.

Le dichiarazioni del Segretario Generale Faisa Cisal, Mauro Mongelli  

_____

 

Ufficio Stampa Cisal / ufficiostampa@cisal.org - 06 3211627


Cerca

User Login Form